Abilitare host Connessione Desktop Remoto Windows server 2012 Foundation senza dominio

start->esegui->gpedit.msc

Local Computer Policy
—————————
|-> Computer Configuration
|-> Administrative Template
|-> Windows Component
|-> Remote Desktop Services
|-> Remote Desktop Session Host
|-> Licensing   –> Use Specified Remote Desktop licensing server
–> Set Remote Desktop licensing mode

Thunderbird: Come inserire la firma nei messaggi

Con thunderbird si può abilitare la firma a fine mail in automatico, in modo da non doverla riscrivere ogni volta.

Esistono due modi per farlo. Seguite passo passo queste istruzioni.

Firma in formato TXT

  1. 1. Utilizzare un editor testuale come il Blocco note (Notepad) di Windows (oppure PSPad, SciTE o altri) per creare la firma e salvare il documento come file di testo (ad esempio ‘firma.txt’). Non è possibile utilizzare formati diversi dal “solo testo” come .doc e .rtf
  2. Aprite Thunderbird e andate sul menu ‘Strumenti’ Impostazioni Account’, selezionate l’account desiderato, quindi spuntate la casella “Allega questa firma”.
  3. Facendo clic sul pulsante “Scegli” (ora attivo), sarà possibile selezionare il file di testo precedentemente salvato.

Thunderbird Firma in formato HTML

E’ possibile allegare come firma anche un file in formato .html, quindi con immagini, link,
testo formattato eccetera.
Per chi non fosse pratico di codice html, è possibile creare la firma utilizzando questa
procedura:

  1. Aprire Thunderbird e avviare la composizione di un nuovo messaggio
  2. Comporre la firma (è possibile anche formattare il testo e inserire immagini dal menu “Inserisci –> Immagine”).
  3. Al termine dell’operazione, posizionarsi sul menu “Modifica” e fare clic su “Seleziona tutti”.
  4. Andare sul menu “Inserisci” e fare clic su “HTML”.
  5. Si aprirà una finestra, selezionare tutto il contenuto e copiarlo negli appunti (tasto destro + ‘Copia’).
  6. Aprite il vostro editor testuale preferito (come il Notepad) e incollate il contenuto degli appunti.
  7. Salvate il documento dando l’estensione .html e non .txt (ad esempio ‘firma.html’).
  8. Successivamente, aprire Thunderbird e posizionarsi sul menu ‘Strumenti ‘ Impostazioni Account’, selezionare l’account desiderato, quindi spuntate la casella “Allega questa firma”.
  9. Facendo clic sul pulsante “Scegli” (ora attivo), sarà possibile selezionare il file .HTML precedentemente salvato.

Backup VPN PPTP su Windows 7

Here is a great recent post from our good friends over at Bauer-Power:
I am a huge fan of Microsoft’s VPN built into Routing and Remote Access. For me it is the easiest system to configure, and deploy. Plus it isn’t limited on how many users can connect to it like say a Cisco VPN where you might be able to have 10 concurrent users, and if you need any more you have to pay for more licenses. Lame sauce I say!

I also like Microsoft’s latest VPN technology, Secure Socket Tunneling Protocol, or SSTP for short. It’s as easy to setup and configure as PPTP, but it’s more secure because it uses SSL encryption. Plus the only port you have to open up on the firewall is 443. Easy peasy!

Finally, the last thing I like is that if you use a Microsoft VPN, you can use the built in Network and Sharing Center in Windows to configure your settings. You don’t need a third party client like you do with Cisco, Sonicwall or Netscaler VPN’s. That means less overhead, and less software you have to take care of. Pure win!

What if you don’t want to write up a tutorial on how to setup a connection in Network and Sharing Center for your users? Sure it’s easy for you to go through the Setup a New Connection or Network wizard because you’re the IT guy. For the young lady in sales though, you probably should have a PhD in nuclear physics to set the thing up. Why not configure it once on your computer, backup your settings, and restore it on her computer? Sounds like a good idea right? Well it,s actually easy to do.

  • Go through the Set Up a Connection or Network wizard in Windows to configure your VPN settings (SSTP, PPTP, L2TP etc)

 How to Backup, Restore or Deploy Windows VPN Settings

  • When done copy rasphone.pbk from %userprofile%\AppData\Roaming\Microsoft\Network\Connections\PBK\ on your computer
  • When you are ready to restore it, paste rasphone.pbk in %userprofile%\AppData\Roaming\Microsoft\Network\Connections\PBK\ on the computer you want to restore it on.

Easy right? Since all you need to do is keep a copy of rasphone.pbk, which is just a text file that can be edited in Notepad, you can easily deploy your Windows VPN settings using a startup script or something!

The next time the user logs into windows, they will see their automatically configured Windows VPN when they click on their network icon in the system tray!

Eliminare le code di stampa

Per “coda di stampa” si intende la lista di documenti che compare nella finestra della stampante che include ogni file in attesa di raggiungere il dispositivo.

Nella foto sotto, è possibile vederne un esempio.

Coda.jpg

Normalmente, si pensa che premendo il tasto canc, il file sparisca: a volte accade, in altri casi no.

Vediamo quindi come comportarci quando questo non avviene..

In allegato all’articolo si trova un file cmd, che esegue tutto da solo.

Se il file Cmd non dovesse funzionare, dovete seguire questa procedura manuale.

Portatevi su Start, Impostazioni, Pannello di controllo.

Da qui aprite gli Strumenti di amministrazione e portatevi nei Servizi.

Strumenti.jpg

Cercate il servizio Spooler di stampa e cliccateci sopra due volte.

Servizio.jpg

Premete il pulsante Arresta e fermate il servizio.

Servizio2.jpg

Portatevi alla cartella Windows\system32\spool\printers ed eliminate tutto il contenuto.

Riabilitate quindi il servizio, premendo il pulsante Avvia.

Le code di stampa sono ora eliminate!

 

fonte: MegaLab.it

Filemaker Errore non è stato possibile inizializzare lo stack di rete

PROBLEMA:
Si riscontrano problemi su un computer sulla rete che non funziona con FileMaker Pro. Quando si cerca di andare su Apri remoto, viene visualizzato l’errore seguente

“FileMaker non può condividere o essere client di un file perché non è stato possibile inizializzare lo stack di rete.”

FileMaker Pro è già stato disinstallato e reinstallato, ma non è cambiato nulla.

Risoluzione per Windows:

  1. Assicurarsi che il file server.pem [che si trova nella cartella principale in cui si trova FileMaker Pro / FileMaker Pro Advanced, cioè C:\Programmi\FileMaker\FileMaker Pro] sia di circa 5 KB.Se è più piccolo, è probabile che il file sia danneggiato e che possa causare la visualizzazione di questo messaggio di errore.  È possibile copiare il file server.pem da un computer con FileMaker Pro funzionante al computer che presenta il problema e fare delle prove. Anche la reinstallazione dell’applicazione dovrebbe creare un file server.pem non danneggiato.

  2. In caso contrario, appare il messaggio che indica che Winsock2 potrebbe essere danneggiato sul computer e che necessita di riparazione. Winsock2 è una API per permette alle applicazioni di utilizzare lo stack TCP/IP di Windows.

Per riparare questa corruzione, fare riferimento al seguente articolo della Knowledge Base Microsoft. http://support.microsoft.com/kb/811259

Per ulteriori informazioni e assistenza, si prega di contattare l’Assistenza tecnica di Microsoft.

Risoluzione per Mac OS:

Questo problema può essere visualizzato quando FileMaker Pro è installato mentre si è collegati con un account esterno in Mac OS X.  Un esempio di questo account potrebbe essere un account LDAP, un account Open Directory o un account Active Directory.  Per risolvere questo problema è necessario reinstallare FileMaker Pro utilizzando un account locale Mac OS X.  I passaggi per fare questo sono elencati di seguito:

  1. Eliminare la cartella FileMaker Pro, spostandola nel cestino.  La posizione predefinita di questa cartella è nella cartella Applicazioni.** Se è stato attivato il prodotto FileMaker, assicurarsi di disattivare il software accedendo al menu Aiuto > Disattiva prima di cancellare l’installazione di FileMaker.**  Cliccare qui per maggiori informazioni (in inglese)

  2. Disconnettersi dalla macchina e accedere con un account utente Mac OS X.  Se non si è certi di quali account sono locali e quali no, contattare l’amministratore di rete.
  3. Eseguire il programma di installazione di FileMaker Pro e re-installare.  Riavviare e eseguire gli eventuali aggiornamenti.
    fonte: www.filemaker.com

Accesso alle cartelle di rete Win7

Ho già avuto modo più volte di parlare
delle scarse performance nella copia dei file via rete sia di Windows Vista che
di 7.

Ecco il riassunto di tutto quello che potete fare per
risolvere il problema in modo definitivo.

Disabilitare l’Autotuning TCP e l’Offload IP

La disabilitazione di questa caratteristica ha dei
benefici effetti sulla velocità di risoluzione DNS e sull’esplorazione della
rete. Per disabilitare la funzionalità bisogna operare come segue

Accedere ad un prompt di comando con privilegi di amministratore


Verificate l’attuale impostazione dei parametri TCP
con il comando

netsh interface tcp show global

Come è possibile vedere dalla finestra precedente
l’impostazione di AutoTuning è impostata a normal. Provvederemo ora a
disabilitarla tramite il comando

netsh interface tcp set global autotuning=disabled

A seguire provvediamo a verificare che il comando
abbia sortito effetto riproponendo la richiesta di visualizzazione dello stato.

Nella medesima finestra digitate ora

netsh interface ip show offload

che dovrà produrre un risultato simile al seguente

Interfaccia 1: Loopback Pseudo-Interface 1

Interfaccia 7: Connessione alla rete locale (LAN)

Checksum ipv4 transmit supportato.

Checksum udp transmit
supportato.

Checksum tcp transmit
supportato.

LSO tcp supportato.

Checksum ipv4 receive
supportato.

Checksum udp receive
supportato.

Checksum tcp receive
supportato.

(i numeri e i nomi di interfaccia
potrebbero cambiare
)

Provvediamo quindi a disabilitare anche questa
caratteristica con il comando

netsh interface ip set global taskoffload=disabled

Dopo l’esecuzione di questo comando chiudete la
finestra di prompt di comando e riavviate il computer.

Rimuovere la funzionalità Compressione Differenziale
Remota

Dal pannello di controllo rimuovete la funzionalità
come segue ed applicate le modifiche



Disabilitare il supporto IPv6

Per impostazione predefinita Windows 7 abilita il
supporto al protocollo IP versione 6 (IPv6). Se non prevedete di utilizzare
IPv6 potete disabilitare questa caratteristica per evitare che Windows cerchi
automaticamente di utilizzare gli indirizzi IP di tipo 6.

Fonte: http://www.anlan.com/2011/06/windows-7-rete-lenta-ecco-come-risolvere/

Trovare / Recuperare la password dei client di posta elettronica come Outlook, Outlook Express, Windows Live Mail, Eudora, Thinderbird e molti altri

Ecco una altro incredibile e utilissimo tool in grado si trovare e recuperare tute le password dei seguenti programmi di posta elettronica…

Outlook Express
Microsoft Outlook 2000 (solo POP3 e SMTP)
Microsoft Outlook 2002/2003/2007 (POP3, IMAP, HTTP e SMTP)
Windows Mail
Windows Live Mail
IncrediMail
Eudora
Netscape 6.x/7.x (se la password non è protetta da master pwd)
Mozilla Thunderbird (se la password non è protetta dal master pwd)
Group Mail Free
Yahoo! Mail – Se la password è salvata in Yahoo Messenger.
Hotmail/MSN mail – Se la password è salvata in MSN/Windows/Live Messenger.
Gmail – Se la password è salvata con Gmail Notifier, Google Desktop, o Google Talk.
Per ogni account di posta, vengono visualizzati i seguenti campi: Account Name, Application, Email, Server, Server Type (POP3/IMAP/SMTP), User Name, e Password.
Nota: Alcuni antivirus potrebbero rilevare questo programma come un virus (quindi disabilitate temporaneamente l’antivirus prima di eseguire questo tool)

Scarica Mail PassView

 

 

fonte: http://www.trucchetti.com/

Cambio password Mozilla Thunderbird

Non pensavo fosse così difficile cambiare la password di un account in Thunderbird!

Non so quanti di voi utilizzino Mozilla Thunderbird come programma di posta sul proprio PC o su quello dell’azienda al posto del classico Outlook Express. Io ammetto di trovarmici veramente bene, anche se, oggi, per la prima volta, mi sono trovato spiazzato nell’eseguire una banale operazione.

 

Dopo aver cambiato la password di un account di posta sul server, ho aperto thunderbird per aggiornarne la password anche al suo interno. Con sorpresa, non ho trovato l’opzione per il cambio della password nelle opzioni di gestione dei vari accounts, ma ho trovato in ogni modo la soluzione, anche se un po’ con difficoltà!

Cambiare la password di un account in mozilla thunderbird:

  1. nel menu “Strumenti” selezionare “Opzioni”;
  2. cliccare sul bottone “Privacy”;
  3. scegliere la tab “Password”;
  4. premere “Visualizza password memorizzate”;
  5. selezionare l’account al quale avete modificato la password di accesso e premete “Elmina”;
  6. chiudete tutte le finestre cliccando su “Chiudi” e “OK” e provate ad inviare/ricevere la posta;
  7. vi verrà così chiesta la nuova password del vostro account.

Terminata la procedura, provate a verificare, cercando di scaricare la posta, di essere riusciti a cambiare correttamente la password del vostro account di posta.

Devo dire che, pur amando il gruppo Mozilla, in questo caso penso abbiano inserito le opzioni per il cambio delle password in maniera un po’ poco accessibile, soprattutto agli utenti che sono migrati, anche da poco, da Microsoft Outlook Express.

 

fonte: http://simone.cabrino.it/